Circonauta | Serenate e Tammorriate
17726
post-template-default,single,single-post,postid-17726,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-13.6,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Serenate e Tammorriate

Serenate e Tammorriate

29 e 30 giugno nel “Giardino Magico del Circonauta” / Villa comunale

Vincenzo Romano alle percussioni e Antonello Gialdino all’organetto, ci guideranno nel romantico mondo delle serenate e delle tammurriate.

Per il secondo anno Circonauta presenta la produzione esclusiva per il festival che ci riporta alla tradizione musicale che ripercorre la tradizione della cosiddetta “posteggia napoletana”.

La posteggia in origine  era un modo particolare di fare musica, stando appunto “appustiati” (fermi ad un posto) per esempio sotto il balcone di una donna per dedicarle una serenata o girando per i tavoli di una taverna o di un caffè per allietare i clienti.

Sicuramente un’inversione di rotta visto che la posteggia era nata per il popolino e non sicuramente per le classi più aristocratiche, e questo lo sapeva bene Caruso, che proprio con la posteggia aveva mosso i primi passi nel mondo del canto diventando poi il grande tenore di cui ha parlato tutto il mondo, come lui, tanti altri cantanti napoletani mossero i primi passi sulle strade dedicando canzoni d’amore a coppie inamorate sedute al ristorante o a donne affacciate al balcone la notte prima delle nozze.